• Home
  • Blog
  • La storia ci circonda, seconda puntata!

La storia ci circonda, seconda puntata!

 

Oggi siamo nel mondo antico per conoscere i Barbari!

I Romani consideravano Barbari i popoli nomadi, di stirpe germanica, che fin dal I secolo a.C. si erano stanziati nei territori bagnati dai fiumi Danubio, Reno e Vastola.

I Romani entrarono in contatto con i Germani nel I secolo a.C. quando il grande condottiero romano Giulio Cesare provò a sottometterli, senza successo, nel 50 a.C.

Queste popolazioni si muovevano spesso poiché la loro economia si basava sulla pastorizia, da cui ottenevano latte e carne, e quindi quando non avevano più animali si spostavano alla ricerca di nuove terre. I Germani si muovevano a cavallo e costruivano case con materiali semplici come legno, argilla o paglia.

Di conseguenza, i Germani facevano della guerra la loro principale attività: conquistavano città e villaggi per ottenere terre, schiavi e cibo.

I Romani a partire dal I secolo a.C. iniziarono a costruire una serie di fortificazioni, denominate Limes, per impedire ai Germani di poter penetrare nei territori dell’Impero.

Da un punto di vista sociale i Germani avevano un’organizzazione basata sulla famiglia. Un’insieme di famiglie formavano un clan: entità principale che prendeva decisioni legate alla guerra o alla pace. L’insieme di più clan formava una tribù.

I Germani utilizzavano come forma di scrittura le rune: una combinazione di disegni, incisi su pietra o metallo, e simboli. Comunicavano con gli dèi per fare rituali e formule magiche capaci di richiamare il bene e allontanare il male. Erano politeisti e veneravano molte divinità legate alla natura. Le divinità principali erano Wotan (Odino), i figli Thor (dio del fulmine e del tuono) e Loki (dio del male).

I guerrieri e gli eroi caduti in battaglia erano accolti nella Walhalla (sala dei morti in battaglia).

Con il passare del tempo il Limes divenne un luogo di contatto e scambio tra Barbari e Romani. Il III secolo d.C. fu caratterizzato da questo fenomeno.

 

Curiosità: il verbo inglese to write (scrivere) deriva da una parola germanica che significava “incidere”.

 

 

 

Andrea



Vuoi rimanere aggiornato con il nostro blog? Iscriviti alla nostra newsletter!

Altri articoli che potrebbero interessarti


SHOP