• Home
  • Blog
  • MILA E SCIRO, 2 CUORI NELLA PALLAVOLO! O forse no. Prima puntata.

MILA E SCIRO, 2 CUORI NELLA PALLAVOLO! O forse no. Prima puntata.

 

Qualche settimana fa ho avuto la febbre. Non era un virus, era più un poke che mi ha mandato il mio sistema immunitario, che diceva circa "io non so più che fare se al mattino ci sono 40 gradi, e la sera sembra che ti trasferisca sistematicamente al Polo Nord". E anche lui ha le sue ragioni. In questi casi, io guardo spesso i cartoni animati, o comunque cose che ho già visto. Non sono in forma, non voglio colpi di scena, meglio sapere come andrà a finire. Così ho deciso di guardare in loop le puntate di Mila e Sciro. "Tanto la storia la so", mi sono detta, "una schiacciata dura 3 puntate, ogni tanto spunta questo Sciro, si amano, e vissero tutti felici e contenti".

Con mio sommo stupore, mi sono resa conto di non ricordare affatto la storia. Al punto che dopo poco mi sono detta "ma io ste cose guardavo da bambina?".

Si dice molto in giro che i cartoni animati di oggi siano diseducativi, e molto violenti. Sicuramente è vero, e bisognerebbe monitorare adeguatamente la situazione. Ma anche Mila e Sciro, e in generale, i cartoni storici, spesso non sono per niente educativi e adatti al pubblico a cui si propongono.

Torniamo a Mila e Sciro, per capire meglio. In varie scene le ragazze della squadra di pallavolo vengono picchiate dall'allenatore perché la partita è andata male, la schiacciata non era buona, dobbiamo sistemare il bagher. Per stupidaggini, venivano picchiate, ma picchiate forte. In una scena, addirittura, il mister strappa di dosso la maglietta a Mila, urlando come un pazzo "non sei degna di indossare questa maglia". Ovviamente, strappando la maglietta, Mila resta in reggiseno. Questa scena dopo averla rivista mi è subito riaffiorata alla mente. Ricordo che da bambina è stato un trauma (a 5 anni vedere uno che lascia in reggiseno una donna, così, non è che proprio sia il massimo). Le ragazze non si ribellano quasi mai a questa situazione, anzi, spesso sono le prime a difendere il mister "lo fa perché ci vuole bene, perché ci tiene molto alla squadra".

Poi il mister verrà cambiato dalla scuola, proprio per questo motivo, ma le ragazze si abbandonano a un pianto disperato, lo difendono e lo rimpiangono. Io tutto questo l'ho visto a 6 anni. Vi sembra normale? Non mi ricordo nemmeno in che modo elaborai la cosa, non credo di aver chiesto spiegazioni ai miei genitori o ai miei fratelli maggiori. Questo è un aspetto agghiacciante, perché è come se la reazione delle ragazze sia apparsa ai miei occhi normale, per quanto mi rendessi conto, in qualche modo, che non era affatto giusto.

Stiamo lì a sbandierare la violenza sulle donne, a fare i numeri verdi, e le leggi sui femminicidi, e poi, cosa ci fanno guardare alla tv? Cosa facciamo vedere ai nostri figli? C'è molta più spazzatura di quella che pensiamo.

C'è un altro aspetto di Mila e Sciro che mi ha lasciata molto perplessa (come se già non bastasse la febbre). Ma questo ve lo racconterò nel prossimo articolo. Il tema che abbiamo sollevato merita di restare protagonista. Nessuna donna merita di essere picchiata. Per nessun motivo. Figuriamoci se può essere giustificato l'allenatore della squadra di pallavolo dell'Hikawa.

 

Vuoi rimanere aggiornato con il nostro blog? Iscriviti alla nostra newsletter!

Altri articoli che potrebbero interessarti


SHOP